1/9

Nel nuovo quartiere di Bazzano, a est dell’Aquila, è stato inaugurato nel 2011 il nuovo centro polifunzionale per l’infanzia, donato dal Gruppo Fiat al capoluogo abruzzese con l’intento di contribuire alla rinascita post terremoto con una struttura dove i bambini possano crescere e apprendere sereni e sicuri.

Simbolo dello sviluppo, dell’evoluzione, del candore della fanciullezza, il nuovo centro scolastico, che oggi ospita cento bimbi della scuola materna, è stato battezzato con il nome di “Bruco” a evocare visivamente e simbolicamente l’immagine di giovani creature che crescendo si trasformeranno poco a poco in farfalle.

Come i molteplici segmenti che compongono l’addome della larva, così il progetto architettonico si sviluppa in cinque parallelepipedi elementari di dimensione scalare che seguono il pendio naturale del terreno. Semplicità, rigore lineare e sobrietà delle linee contraddistinguono i cinque moduli scolastici che si affacciano sul paesaggio montano con grandi vetrate aperte a ricordare i parabrezza delle autovetture. Per raccordare i blocchi scolastici è stato ideato un lungo corridoio in legno lamellare, il bruco per l’appunto, che si sviluppa con un andamento sinuoso per circa 55 metri collegando e intersecando i volumi che occupano 1400 metri quadrati di spazi adibiti ad aule per giocare e riposare, una mensa, servizi, uffici gestionali e ambienti polifunzionali per attività ludiche e motorie.

2010-2011

 

 

Bazzano (AQ)

 

 

Asilo nido

scuola materna

 

 

 

Committente

Fiat Partecipazioni S.p.a.

 

Superficie

1.260 mq

 

 

 

 

 

Link

Premio Active Architecture

 

Arketipo Magazine

 

Materia Magazine

Polo per l'infanzia